CREA
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
mangiomeglio
chiedoemangio
somangiare
sobere
contoemangio
Sapermangiare in video
IL PUNTO DI SAPERMANGIARE
numero 7, marzo 2010

È assurdo che ci sia ancora qualcuno che consideri i surgelati poco sicuri. Però anche loro un difetto ce l'hanno. E anche piuttosto insidioso. Ma cominciamo dall'inizio.
Quando viene raffreddato rapidamente a temperature inferiori a -18°C, fin nelle parti più interne, l'alimento viene surgelato e qualsiasi processo di deterioramento si arresta. Struttura, sapore, aroma e proprietà nutritive restano identici. L'alimento quindi è assolutamente sicuro: nulla viene tolto e nulla viene aggiunto. Anzi, è sicuramente più sicuro di un alimento mal conservato, come gli avanzi che rimangono nel nostro frigorifero per giorni e giorni. Parliamo ovviamente dei prodotti industriali, non dei prodotti che congeliamo in casa.
I surgelati ci fanno anche bene, perché ci permettono di seguire tutto l'anno una sana dieta mediterranea con verdure di ogni varietà, anche quando queste non sono di stagione. Basti pensare che i piselli freschi si trovano al mercato solo per una ventina di giorni all'anno. La stessa considerazione vale per il pesce, surgelato subito dopo la pesca in acque sicure e in molti casi pulito e mondato dalle spine, pronto per l'uso.
Non solo.
Gli alimenti surgelati rendono possibile un'alimentazione equilibrata anche quando non abbiamo il tempo per andare a fare la spesa, perché si conservano in freezer, e anche quando non abbiamo il tempo di pulire e/o mondare gli alimenti freschi.
Insomma, consumati per arricchire i pasti di verdure, legumi e pesce se la stagione non è favorevole, o in caso di "emergenza", i surgelati sono ottimi.
Tuttavia, proprio perché sono sempre disponibili e facili da usare, stimolano la nostra pigrizia, e rischiano di uccidere la fantasia e la tradizione in cucina.
Non è un difetto da prendere sottogamba.
L'industria del freddo fornisce prodotti di buona qualità, già belli e pronti, ma, proprio per questo, non facilmente personalizzabili. Anzi, sempre uguali. I piselli surgelati vanno benissimo, ma dove sono andati a finire - tanto per restare fra i legumi - tutte le varietà di fagioli bianchi, rossi, variegati, le lenticchie, le fave, i ceci, le cicerchie? La varietà è un pilastro della dieta mediterranea.
Rischiamo così di pagare il risparmio di tempo e di fatica con l'omologazione alimentare, che tende a mortificare i gusti individuali e i sapori della tradizione familiare o locale. I surgelati ci hanno "viziato" e hanno aperto la strada di un compromesso facile fra cibo sano e tempi ristretti, che, a lungo andare, può facilmente portare a mancanza di inventiva e di passione per la gastronomia. Oggi, addirittura, si trovano ovunque i preparati per il soffritto con cipolla, sedano e carote, perché non si vogliono sprecare nemmeno più due minuti a tagliuzzare gli odori.
Mangiare, infatti, è molto di più che semplice mandar giù del cibo. Inizia al momento della scelta, prosegue con la preparazione, si personalizza con le mille variazioni personali, si esalta nel consumo conviviale.
Io allora consiglierei, almeno il sabato, di andare al mercato, acquistare una decina di verdure fresche diverse, e, tornati a casa, preparare un bel minestrone alla vecchia maniera. Il risultato in termini di gusto potrà anche essere simile, ma quel pizzico di sapore in più che garantisce la fatica al tagliere e ai fornelli non si trova in nessuna busta apri e chiudi. Ed è il modo migliore per far conoscere gli alimenti e la cucina ai nostri figli e trasmettere loro, insieme alle tradizioni, l'educazione alimentare.

 

Prof. Carlo Cannella

Lo sapevi che
Il ferro assunto con gli spinaci veramente poco. Sebbene gli spinaci ...
Leggi
IL PUNTO

Natale è di nuovo alle porte e, come ogni anno, siamo qui davanti alla bilancia a chiederci perplessi se ce la faremo a superare indenni le feste...

Leggi
Marketing sociale e comunicazione per la salute
CREDITS | CONTATTACI
Aut. SIAE n. 1647/I/ 1697