Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
mangiomeglio
chiedoemangio
somangiare
sobere
contoemangio
Linee guida in video
linee guida in video
Linea guida 1: Controlla il peso e mantieniti sempre attivo

Non parleremo subito di cibo: per stare bene bisogna innanzitutto muoversi, perché noi siamo fatti in modo tale che se non ci muoviamo abbastanza, ci ammaliamo.

Che c’entra col mangiare bene?

Mangiare bene vuol dire fare due cose:

    • Mantenere un equilibrio quantitativo (fabbisogno calorie)
    • Mantenere un equilibrio qualitativo (che cosa concorre a fare queste calorie)

Qui ci occupiamo di equilibrio quantitativo = tanto entra (col cibo), tanto deve uscire (con l’attività fisica, di qualsiasi tipo essa sia).

Per tenere sotto controllo il proprio peso bisogna agire quindi sempre sui due fronti – cibo e attività fisica – esattamente come si faceva da queste parti, con grandi camminate e faticoso lavoro nei campi.

E poi muoversi fa bene a tante altre cose, dal cuore al mal di schiena.

Vediamo perché.

 

-----

 

Il nostro corpo consuma sempre energia.

Anche quando non muoviamo un muscolo.

L’energia di cui ha bisogno gliela dà il cibo.

Ma se ne mangiamo troppo,, gli forniamo più energia -che misuriamo in calorie - di quella che riusciamo a bruciare, il nostro corpo la accumula.

Cominciamo insomma a ingrassare.

E se ingrassiamo troppo, senza che ce ne accorgiamo aumenta il rischio di futuri problemi al cuore, di diabete, di alcuni tipi di tumore, di danni alle articolazioni.

Più ci muoviamo, invece, più energia bruciamo.

Restituendo questa energia all’organismo, manteniamo il nostro peso.

Se invece non gliela ridiamo, o non gliela ridiamo tutta mangiando qualcosa, l’organismo attinge alle sue riserve.

E cominciamo a dimagrire.

Anche dimagrendo troppo possiamo andare incontro a problemi di salute gravi, perché a un certo punto l’organismo comincerà a “mangiare”, per così dire, i suoi stessi muscoli. Il digiuno non è una cura dimagrante.

Se le calorie spese con l’attività fisica sono più di quelle che entrano con il cibo, si dimagrisce.

Se invece sono di meno si ingrassa.

Il segreto del nostro peso è tutto qui.

Oggi tendiamo soprattutto a ingrassare, perché ci lasciamo tentare dall’abbondanza di alimenti ricchi di calorie.

 

  • LEI: E che domenica è questa? Forza papà! Alzati, attivati, è una giornata bellissima. Guarda che ti sta venendo la pancia.
  • LUI: E io, infatti, me la sto godendo, la domenica. Guardati te che sei secca come un chiodo!
  • LUI: Basta, da ora è un’altra vita.

 

Spesso ci lasciamo tentare dalle diete drastiche, alla moda o inventate da noi.

In realtà, queste diete rischiano di privarci non solo di calorie, ma anche di nutrienti preziosi, e fanno, quindi, più male che bene.

E poi, soffrire è inutile.

Quasi nessuno riesce a mantenerle a lungo, e inevitabilmente si torna a ingrassare.

E allora, come si fa?

E' molto più facile e più sano dimagrire semplicemente mangiando meglio e usando i muscoli ogni volta che possiamo.

Camminare, fare le scale, portare la spesa, ballare, andare in bicicletta, e naturalmente lo sport: va bene tutto.

Almeno mezz’ora di attività fisica al giorno dovrebbe far parte della normale cura della persona, esattamente come lavarsi.

Perché oltre a farci dimagrire, muoversi fa bene al cuore e previene molte malattie per tutto il resto della vita.

 

  • LUI: Hai visto tuo padre? Ora però tu mangiati qualcosa.
  • LEI: No dai, ora non ho fame.
  • LUI: E non vale, però!

 

Per raggiungere e mantenere il giusto peso bisogna agire su tutte e due le voci del bilancio energetico: diminuire le calorie che entrano e aumentare le calorie che escono.

Per dimagrire basta, quindi, mangiare un po’ meno e un po’ di tutto, dando la preferenza ai cibi che contengono poche calorie ma saziano di più, come ortaggi e frutta, che sono anche i più ricchi di vitamine, minerali e altri nutrienti essenziali.

E continuare a farlo anche quando abbiamo raggiunto il nostro peso normale.

A proposito, qual è il peso normale?

Per valutare il proprio peso bisogna calcolare l’Indice di Massa Corporea.

Si ottiene dividendo il peso in chilogrammi per la statura in metri elevata al quadrato.

Ad esempio, se una persona pesa 82 chilogrammi ed è alta1,75 metri, questo valore è pari a 82 diviso 1,75 per 1,75, quindi a 82 diviso 3,06, uguale 26,8.

Il peso è quello ideale se l’Indice è compreso fra 18,5 e 25.

Sotto 18,5 si va nel sottopeso, sopra 25 nel sovrappeso.

 

  • LEI: 20! Normopeso!
  • LUI: Sì, ma un po’ scarsino.
  • LEI: E tu?
  • LUI: 24,9. Normopeso anch’io!
  • LEI: Sì, ma lì lì…
  • LEI: Mmmm… Ne vuoi una?
  • LUI: Per carità! Vado in palestra, stasera!
  • LUI: Sì, ma poi…

 

-----

 

Prima di pensare a cosa e quanto mangiare, pensate dunque a quanto vi dovete muovere, altrimenti tutto il resto servirà a poco. Ricordate: tante calorie entrano, tante devono uscire.

Per fortuna c’è una cosa buonissima di cui possiamo mangiare quanto vogliamo. Ce lo spiega la linea guida numero due.

 

Lo sapevi che
Non vero che buon vino fa buon sangue. Le proprietà ...
Leggi
IL PUNTO

Natale è di nuovo alle porte e, come ogni anno, siamo qui davanti alla bilancia a chiederci perplessi se ce la faremo a superare indenni le feste...

Leggi
Marketing sociale e comunicazione per la salute
CREDITS | CONTATTACI
Aut. SIAE n. 1647/I/ 1697