Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
mangiomeglio
chiedoemangio
somangiare
sobere
contoemangio
Linee guida in video
linee guida in video
Linea guida 4: Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti

Il gusto per il dolce ce lo portiamo dentro, perché fin dal latte materno indica i cibi buoni da mangiare e nutrienti.

Ma una volta il dolce era solo quello del miele e della frutta. Oggi c’è lo zucchero, che è un “di più” rispetto al naturale, e come tale dovremmo trattarlo anche noi, perché troppo zucchero a lungo andare fa “deragliare”, per così dire, il nostro metabolismo.

Come vincere il richiamo del dolce? È più semplice di quanto pensiamo, perché gli zuccheri sono un po’ come una droga: più ne mangiamo, più ne sentiamo il bisogno. Meno ne mangiamo, quindi, meno ce ne viene voglia.

Per questo è meglio non usare gli edulcoranti, perché restando la tentazione, mantengono la dipendenza, e li possiamo mettere solo nel caffè.

Insomma, ogni tanto il dolce fa piacere, ma se troppo spesso non fa più effetto.E che dolce non sia sdolcinato, cioè troppo zuccherato.

 

-----

 

  • LEI: Ciao.
  • LUI: Ho fame, che c’è da mangiare?
  • LUI: Ho detto ciao!
  • LUI: Che c’è di buono?

 

Il cosiddetto “calo degli zuccheri”, quella sensazione di stanchezza fisica e mentale che spesso ci coglie lontano dai pasti, è il segno che nel sangue si è abbassato il livello del glucosio, l’energia di pronto impiego del nostro organismo.

Se mangiamo qualcosa di dolce, gli zuccheri contenuti nel cibo vengono trasformati in glucosio e assorbiti rapidamente.

 

  • LUI: Ah… Ora sì.
  • LEI: Allora ciao.
  • LUI: Ciao mamma. Scusa, ma stavo morendo.
  • LEI: E ora?
  • LUI: Già mi sento meglio.
  • LEI: E allora fila a fare i compiti.

 

In una sana alimentazione ci sono pochi dolci e poche bevande dolci.

E meno ce ne sono, meno ne abbiamo voglia.

Gli zuccheri semplici, quelli che danno ai cibi un sapore dolce, non dovrebbero, infatti, fornire più del 10-15% delle calorie giornaliere.

Ma sarebbe meglio limitarsi a quelli della frutta e del latte.

Se infatti il livello di glucosio nel sangue si alza troppo, e troppo spesso, si corre il rischio di sviluppare il diabete.

 

  • LEI: Giù le mani! Sennò poi non ceni.
  • LUI: Sì che poi ceno. Ho fame. E poi me le ha comprate papà.
  • LEI: E ha fatto malissimo. Queste, andrebbero mangiate una volta ogni tanto. Senti cosa dicono le linee guida. Leggi le etichette.

 

I dolci non sono tutti uguali.

Molti dolci, come caramelle, barrette, marmellate, creme da spalmare, cioccolata e molte bevande gassate, contengono solo zuccheri, oppure zuccheri e grassi: forniscono quindi quasi solo calorie e pochi nutrienti essenziali.

 

  • LUI: Ma con queste merendine si possono vincere i videogiochi, l’ho visto in televisione!
  • LEI: Guarda, ti taglio una fetta del ciambellone che ho fatto io. Ecco, questa è la porzione giusta.

 

I dolci migliori sono i prodotti da forno, come i biscotti e le torte non farcite, perché sono fatti anche con uova e farina.

 

  • LEI: E ora torna a fare i compiti.
  • LEI: Com’era il ciambellone?
  • LUI: Orribile!
  • LEI: E ora vai a lavarti i denti.

 

Mangiare meno dolci aiuta anche a prevenire la carie, che si forma quando i residui del cibo restano a lungo sui denti.

Per questo è meglio limitare i dolci che si attaccano ai denti, come le caramelle morbide, le brioches o i torroni, ma soprattutto bisogna sempre lavare i denti dopo aver mangiato.

 

  • LUI: A-ah! Qui si predica bene e si razzola male.
  • LEI: Solo uno spuntino.
  • LUI: Un dolce.
  • LEI: Ma è light, contiene solo un dolcificante...
  • LUI: Vediamo un po’ che cosa dicono le tue linee guida: “non è vero che i prodotti light o senza zucchero non facciano ingrassare e quindi possano essere consumati liberamente”… leggi un po’ sull’etichetta quanti grassi ci sono.
  • LEI: Oddio!
  • LUI: Allora, posso prendere merendina e lattina?
  • LEI: No, hai già mangiato il ciambellone. Io… mangio due cucchiaini di budino e poi basta.
  • LUI: E io la merendina, senza lattina.
  • LEI: Mezza merendina.
  • LUI: Affare fatto. Poi però aspettiamo la cena.

 

-----

Attenzione perché non c’è zucchero solo nei dolci, ma anche nelle bevande gasate, edè zucchero subdolo, perché noi in quel momento non pensiamo che in realtà stiamo mangiando.

Quando abbiamo sete, beviamo acqua, che è sempre la miglior bevanda e un alimento da riscoprire, come ci spiega la prossima linea guida.

 

Lo sapevi che
Gli alcolici causano mal di testa per diversi motivi. I mal di testa ...
Leggi
IL PUNTO

Natale è di nuovo alle porte e, come ogni anno, siamo qui davanti alla bilancia a chiederci perplessi se ce la faremo a superare indenni le feste...

Leggi
Marketing sociale e comunicazione per la salute
CREDITS | CONTATTACI
Aut. SIAE n. 1647/I/ 1697