Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
mangiomeglio
chiedoemangio
somangiare
sobere
contoemangio
Sapermangiare in video
Per saperne di più

Il caffè si ottiene dalla torrefazione e macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali, appartenenti al genere Coffea. Gli effetti della bevanda sul nostro corpo dipendono dalla specie botanica usata per prepararla (in genere Arabica o una miscela di Arabica e Robusta), e da come ci piace berla (caffè ristretto, lungo, americano, espresso, macchiato, ecc...).

 

Cosa c'è, e che cosa non c'è.
La componente più nota del caffé è sicuramente la caffeina, uno stimolante del sistema nervoso che è effettivamente responsabile della gran parte degli effetti cercati o indesiderati della bevanda, anche se ognuno di noi reagisce alla sua ingestione in maniera diversa. Le indicazioni sulla quantità di caffé che possiamo bere si riferiscono proprio alla quantità di caffeina che contiene. Quando è troppa, infatti, può provocare alterazioni della frequenza cardiaca, aumento della secrezione gastrica con possibili irritazioni della mucosa e seri rialzi della pressione arteriosa.

 

Quanta caffeina possiamo tollerare?

Una persona sana, non ipertesa, che segua un'alimentazione equilibrata, può consumare senza conseguenze sulla salute 4-5 mg di caffeina per Kg di peso corporeo al giorno (per un individuo di 70 kg questo corrisponde ad un consumo giornaliero di 280-350 mg di caffeina al giorno). Nelle donne in gravidanza questo limite deve essere prudenzialmente ridotto a 3 mg di caffeina al giorno per Kg di peso pre-gravidanza. Nei bambini, infine, il consumo di caffeina deve essere ulteriormente ridotto e deve mantenersi al di sotto dei 2 mg di caffeina per ogni kg di peso corporeo al giorno.
Attenzione, però. La caffeina non è contenuta solo nel caffè, e dobbiamo tenere conto di tutte le bevande, gli alimenti e i farmaci in cui la troviamo, per misurare quanta ne assumiamo ogni giorno. Questo vale soprattutto per i bambini (il cui consumo di caffeina ricordiamo deve mantenersi al di sotto dei 2 mg/Kg/giorno), per i quali può essere frequente il consumo di cioccolata e bevande a base di cola, che contengono discrete quantità di caffeina. Nella Tabella sono riportati i contenuti medi di caffeina nei diversi tipi di caffé, e in altri alimenti che pure contengono caffeina.

 

Contenuto in caffeina negli alimenti e bevande
Alimento o bevanda
Contenuto in caffeina
Caffé Americano
100-120 mg per tazza
Decaffeinato
<5 mg per tazza/tazzina
Espresso o Moka
40-100 mg per tazzina
Solubile (Istantaneo)
65-100 mg per tazza
Solubile Decaffeinato
< 5 mg per tazza
Cappuccino
70-80 mg per tazza
Cioccolata (barretta da 60g)
30-40 mg

40-50 mg per tazza
Bevande a base di cola
35-50 mg per lattina

 

 

Quanti caffè possiamo bere?
Il contenuto di caffeina in una tazza di caffé dipende da molti fattori: la quantità di polvere, il tipo di miscela utilizzata (la specie Robusta contiene, per esempio, più caffeina di quella Arabica), e la modalità di preparazione (Moka, Espresso, ecc..).
Per dare un'idea dell'entità di tali differenze, pensiamo che un espresso ristretto di pura Arabica, ad esempio, può contenere circa 40 mg di caffeina, mentre un espresso lungo con una miscela Arabica/Robusta può raggiungere i 100 mg. Nel caffè solubile o Americano tutto dipende da quanta polvere useremo e quindi da quanto sarà concentrato l'infuso finale.
Facendo un po' di conti, un adulto sano che segue uno stile di vita equilibrato, e che non consumi altri alimenti contenenti caffeina, può bere fino a 4-5 tazzine di caffè al giorno.

 

Il caffè non annulla gli effetti dell'alcol

La caffeina stimola il sistema nervoso. Dà, quindi, una sferzata di "energia", accelerando i riflessi e aumentando la vigilanza. Attenzione, però: né il caffè, né le bevande energetiche a base di caffeina che si trovano in commercio possono annullare gli effetti dell'alcool sul sistema nervoso. Anzi, berli ci dà la falsa illusione di aver recuperato la prontezza di riflessi, quando invece l'effetto sedativo dell'alcol è ancora prevalente, con un grave rischio per se stessi e per gli altri.
È quindi inutile farvi ricorso nella speranza di poter guidare dopo aver bevuto troppo.

Come funziona
Se leggi la scheda con attenzione, imparerai tutto quello che è veramente importante sapere sull’argomento. E solo quello.
CREDITS | CONTATTACI
Aut. SIAE n. 1647/I/ 1697