Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
mangiomeglio
chiedoemangio
somangiare
sobere
contoemangio
Sapermangiare in video
Per saperne di più

La cosiddetta "terza età" è un periodo molto delicato della vita, in cui si corre più facilmente il rischio di malnutrizione, sia per difetto (carenze nutrizionali, magrezza) che per eccesso (obesità). L'alimentazione nell'anziano ricalca sostanzialmente quella dell'adulto sano, ma si dovrà porre particolare attenzione ad alcuni nutrienti, come minerali e vitamine, che nell'anziano sono particolarmente importanti per mantenere un buono stato di salute.


Il peso è il primo indice di un buono stato di nutrizione

In ogni persona sana dopo i 60 anni si osserva un progressivo rallentamento del metabolismo, che va di pari passo con la riduzione dell'attività fisica. Si rischia quindi di ingrassare. L'anziano quindi deve mangiare un po' meno rispetto al giovane adulto in piena attività. Un'attività fisica leggera e costante, utile anche per prevenire l'osteoporosi,  è consigliabile in tutti gli anziani se non ci sono malattie particolari o problemi di invalidità.

 

Ricercare la varietà e adattare i vari cibi alle proprie esigenze

Un'alimentazione variata è ancora più importante nell'anziano che nel giovane. Vanno evitati pasti monotoni, pietanze precucinate e pasti freddi. Se da un lato questi ultimi sono più comodi e gestibili, per l'anziano e per chi eventualmente lo accudisce, dall'altro oltre al rischio di carenze nutrizionali varie (soprattutto minerali e vitamine) l'anziano può diventare in questo modo progressivamente inappetente. Se ci sono problemi con la masticazione si può ricorrere all'uso più frequente di alimenti liquidi (brodo, latte, passati di verdure etc.), sempre e comunque col fine di aumentare la varietà alimentare.

 

Fare sempre la colazione e frazionare i pasti nell'arco della giornata.

Non è consigliabile che l'anziano concentri in pochi pasti abbondanti al giorno l'energia quotidiana, anche perché rischia di sovraccaricare il sistema digerente. Meglio fare cinque o più pasti al giorno, ma leggeri. La prima colazione è molto importante e deve prevedere latte, cereali e prodotti da forno leggeri.

 

Gusto sì, ma attenzione al sale e a certi zuccheri!

Bisogna sempre stimolare l'appetito dell'anziano con dei pasti gustosi e vari, ma bisogna limitare il consumo di zuccheri semplici, come ad esempio dolciumi e zucchero da cucina, perché possono scatenare o aggravare condizioni di diabete o insulino-resistenza. Bisogna invece preferire i carboidrati complessi di pasta e pane, che uniti a frutta e verdura, forniscono l'apporto necessario di fibra che migliora la funzione intestinale prevenendo la stipsi, e svolge un'azione favorevole sul colesterolo e sulla glicemia. Infine va evitato il ricorso eccessivo al sale e agli alimenti molto salati, perché l'anziano è sempre a rischio di ipertensione.

 

Bere acqua più spesso

La persona anziana è a maggior rischio di disidratazione, perché lo stimolo della sete è ridotto. Dovrebbe quindi bere regolarmente durante la giornata, anche quando non avverte lo stimolo della sete. L'acqua inoltre favorisce una buona digestione e, insieme alla fibra, aiuta a combattere la stitichezza.

Come funziona
Se leggi la scheda con attenzione, imparerai tutto quello che è veramente importante sapere sull’argomento. E solo quello.
CREDITS | CONTATTACI
Aut. SIAE n. 1647/I/ 1697