Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
mangiomeglio
chiedoemangio
somangiare
sobere
contoemangio
Sapermangiare in video
Per saperne di più

Il nostro corpo è formato principalmente da acqua, che è indispensabile al suo buon funzionamento. Dal momento che ogni giorno ne perdiamo molta (con le urine e il sudore, ad esempio), è importante ricostituire rapidamente le perdite, anche prima che ci venga sete.

 

Per evitare problemi di salute anche gravi, è importante bere molto ogni giorno (circa 4-6 bicchieri di acqua)

Normalmente, con la respirazione e il sudore eliminiamo fino ad un litro d'acqua al giorno, con le feci circa 150 ml, mentre con le urine possiamo arrivare a più di un litro al giorno. Se fa caldo, abbiamo la febbre, o sudiamo di più (ad esempio perché facciamo sport) la quantità persa aumenta, e quindi dobbiamo bere più del solito.
L'acqua presente negli alimenti (circa 500-900 ml al giorno), sommata ai 4-6 bicchieri consigliati, è sufficiente a compensare le perdite, che altrimenti ci causerebbero secchezza delle mucose, mal di testa, crampi, stanchezza, e poi vertigini, nausea, vomito e altri problemi, via via più gravi.

 

Se vogliamo compensare nel modo migliore le perdite di acqua, meglio non aspettare che ci venga sete: beviamo sia ai pasti che lontano dai pasti

Il centro della sete, che si trova nel cervello, regola la quantità di acqua di cui abbiamo bisogno. Spesso, però, ci accorgiamo di essere assetati solo quando la perdita di acqua è già stata tale da provocare i primi effetti negativi. Meglio, quindi, tentare di anticipare sempre il senso di sete o comunque assecondarlo subito.
Con l'età, inoltre, la capacità di risposta del centro della sete diventa meno pronta, e rischia di non segnalarci adeguatamente la necessità di acqua. Soprattutto le persone anziane devono, quindi, abituarsi a bere spesso nell'arco della giornata, durante e al di fuori dei pasti, anche quando non ne avvertono la necessità. Una particolare attenzione va anche ai bambini, specie nei primi mesi di vita, perché sono più esposti al rischio di disidratarsi rispetto agli adulti.
Non è vero che l'acqua vada bevuta al di fuori dei pasti. Al contrario, se accompagniamo il pasto con qualche bicchiere d'acqua aiutiamo la digestione, perché gli alimenti ingeriti si ammorbidiscono e i nutrienti si diluiscono per un migliore assorbimento.

 

Quando sudiamo di più, perdiamo più acqua: beviamo durante e dopo l'attività sportiva.

L'attività fisica comporta sudore e quindi perdita di acqua e minerali che devono essere velocemente reintegrati, bevendo preferibilmente acqua durante e dopo l'esercizio fisico. È sbagliato evitare di bere per paura di sudare eccessivamente, perché sudare serve a regolare la temperatura corporea.
Una dieta ricca di frutta e verdura, infine, sarà sufficiente per il recupero dei sali minerali persi sudando, senza far ricorso a inutili supplementi.

 

Beviamo spesso, ma poco per volta e lentamente, soprattutto se l'acqua è molto fredda

Bere acqua fredda non fa male ed è più piacevole quando fa caldo. Se beviamo acqua fredda, però, è meglio farlo lentamente, perché un brusco abbassamento della temperatura dello stomaco può creare le condizioni per pericolose congestioni.
La regola generale, comunque, è quella di bere spesso e in piccole quantità, anche lontano dai pasti, anche quando non abbiamo sete, anticipando la richiesta da parte dell'organismo.

 

E' di acqua, che abbiamo bisogno. Bere acqua o altre bevande non è la stessa cosa

L'acqua (del rubinetto o imbottigliata) non è sostituibile. Le altre bevande (come aranciate, bibite a base di "cola", succhi di frutta, caffè, tè, tisane) oltre a fornire acqua apportano anche altre sostanze che contengono calorie (ad esempio zuccheri) o che sono farmacologicamente attive (ad esempio caffeina). Tutte queste bevande vanno bevute con moderazione.

 

Facciamo attenzione a quello che si sente dire: l'acqua non fa ingrassare, e non fa dimagrire.

L'acqua non contiene calorie, e le variazioni di peso che si verificano quando beviamo o eliminiamo acqua sono momentanee e non influenti sul peso corporeo. Il tentativo di contenere il peso controllando la quantità di acqua bevuta, quindi, è assolutamente inutile, oltre ad essere rischioso per la salute.
Allo stesso modo, non è vero che le saune facciano dimagrire. Le saune fanno semplicemente eliminare sudore. Lo stesso organismo provvederà a reintegrare prontamente le perdite, cosicché nell'arco di poche ore il peso tornerà ad essere esattamente quello di prima.

Come funziona
Se leggi la scheda con attenzione, imparerai tutto quello che è veramente importante sapere sull’argomento. E solo quello.
CREDITS | CONTATTACI
Aut. SIAE n. 1647/I/ 1697